NOTIZIE DALLA RETE

Facili ritocchi di primavera

E’ una delle domande che ricorre più frequentemente negli studi dei chirurghi plastici: «Come posso contrastare in poche mosse i segni dell’invecchiamento, come cancellare i segni del tempo e ritornare ad avere un viso fresco e riposato senza dovermi sottoporre a interventi importanti e invasivi?».
E allora, chiediamo al professor Giuseppe Sito, specialista in chirurgia plastica: imperfezioni, viso stanco e «segnato», rughe,  come dare una rinfrescata al viso ora che è primavera?

«In modo veloce e sicuro con trattamenti cosiddetti da “pausa pranzo” perché in grado di non lasciar tracce e consentire un rapido ritorno alle proprie attività sociali o lavorative».

Tra i trattamenti veloci, oltre al collaudato acido ialuronico per riempire le rughe, qual è quello che dà maggiori soddisfazioni al paziente?

«Il primo rimedio cancella-rughe è senz’altro il Botox che nel 2009 è stato praticato a circa 5.000.000 persone negli Stati Uniti, senza effetti collaterali e con grande soddisfazione per i pazienti».

Leggi tutto...
 
Ritocchi zoom

Nel mirino: lobi e interno braccia rilassati, micro-rughe e mani svuotate

Il desiderio di perfezione è irraggiungibile, si sa.
Ma perché non provarci?

Leggi tutto...
 
II° Congresso Nazionale Medico Cura Te Stesso

Milano

4-5 Marzo 2011

Sala Conferenze del Centro Servizi Banca Popolare di Milano - Via Massaua 6

Leggi tutto...
 
“FACE THE FUTURE” SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Saturday 19TH March2011

Royal Society of Medicine, one Wimpole Street London W1G OAE

“FACE THE FUTURE”

SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Leggi tutto...
 
Gambe pesanti...ecco i rimedi

La sensazione di “gambe pesanti” è un sintomo spesso riferito dalle pazienti che si presentano all’osservazione del medico. La paziente (il sesso femminile è più colpito per ragioni di tipo ormonale) lamenta un disturbo che si manifesta prevalentemente, ma non esclusivamente d’estate e che non necessariamente si accompagna ad evidente gonfiore. Sono più colpite le donne obese o in soprappeso e quelle che fanno vita sedentaria o che nell’arco della giornata mantengono troppo a lungo la posizione eretta o seduta. A volte la pesantezza degli arti inferiori si presenta solo nella fase premestruale e spesso non è concomitante una insufficienza venosa.

Leggi tutto...
 


..................
SiteGround web hosting DottorBellezza

Liposuzione e filler, i ritocchi più richiesti in Italia

 

È la liposuzione, l’intervento di chirurgia plastica più praticato in Italia.

È quanto si evince dai dati, relativi al 2012, dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), emersi da un sondaggio a risposta multipla, a cui hanno risposto 255 chirurghi plastici in tutta Italia. Segue la blefaroplastica, ossia il ringiovanimento dello sguardo, mentre al terzo posto si impone il lipofilling, ovvero il grasso autologo prelevato da una zona del corpo (come addome e fianchi) per essere trapiantato un’altra (come il viso). Un successo dovuto, con tutta probabilità ai risultati naturali che si possono ottenere con questa metodica, senza ricorrere a sostanze di sintesi o protesi.
Domanda: dov’è finita la mastoplastica additiva (o aumento del seno), che nel 2011 era l’intervento più praticato? È ancora in classifica, ma sbalzata addirittura al quarto posto. Forse a causa dello scandalo delle protesi Pip, riempite in modo fraudolento con silicone industriale, che ha dissuaso molte donne dall’affrontare questa operazione.
 

Uomini sempre più narcisi
Ma la vera sorpresa è un’altra. Secondo le cifre recentemente diffuse dall’International Society of Aesthetic Plastic Surgery (Isaps), la chirurgia estetica al maschile rappresenta ormai circa il 30% del totale.
Sono soprattutto gli uomini inglesi e tedeschi a essere più attenti all’estetica: dalle rughe sul viso alle maniglie dell’amore, passando per la blefaroplastica e la liposuzione. Una percentuale che sembra confermata anche nel Bel Paese, dove i maschietti – dai 20 ai 60 anni – ricorrono sempre più di frequente al bisturi. Nonostante la crisi. Gli interventi più gettonati? Rinoplastica, addominoplastica e blefaroplastica.
Trend e graduatorie a parte, resta vero che, nel nostro Paese, gli interventi di chirurgia plastica hanno registrato un calo complessivo del 10-15% rispetto all’anno precedente.
 
Al Nord preferiscono il botox
Al contrario, assai più positive le cifre nel settore della medicina estetica. La sostanza più iniettata si conferma l’acido ialuronico (+24,5% rispetto al 2011), seguita dal botulino (+15,6%) e dal laser, che nei pazienti ultra cinquantenni raggiunge fino al 38% delle richieste. Ma non si tratta di una tendenza solo italiana: anche la statunitense IAPAM (International Association For Physicians in Aesthetic Medicine) conferma che negli Usa i trattamenti non invasivi sono cresciuti esponenzialmente nonostante la crisi.Tornando all’Italia, si riscontrano differenze significative tra una regione e l’altra. A rivelarlo il Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, sulla base delle richieste pervenute dai suoi pazienti. Al Nord, infatti, è la tossina botulinica a trovare il maggior consenso (26%), seguita dai filler all’acido ialuronico (24%), il laser resurfacing con il 20% e i peeling (10%). Nelle regioni centrali, invece, si registra un aumento considerevole delle terapie anticellulite (25%) rispetto ai filler, che rimangono, però, al primo posto con il 28%. La tossina botulinica è ai piedi del podio con il 22%, seguita dal peeling, in ascesa al 15%, il laser resurfacing (10%) e la rimozione dei tatuaggi (1%). E al Sud? I filler di acido jaluronico (30%) e la tossina botulinica (25%) rimangono ai primi posti, ma ancor più sorprendenti appaiono i peeling che raggiungono ben il 24% delle preferenze, incalzando da vicino i primi due. Chiudono la classifica i trattamenti anti-cellulite (14%), il laser resurfacing (6%) e la rimozione dei tatuaggi (1%).

 

www.giuseppesito.it  
 

 

 

 

 

Il Compito del Chirurgo Estetico
Prof. Giuseppe Sito

 

 

OK NOTIZIE