NOTIZIE DALLA RETE

Facili ritocchi di primavera

E’ una delle domande che ricorre più frequentemente negli studi dei chirurghi plastici: «Come posso contrastare in poche mosse i segni dell’invecchiamento, come cancellare i segni del tempo e ritornare ad avere un viso fresco e riposato senza dovermi sottoporre a interventi importanti e invasivi?».
E allora, chiediamo al professor Giuseppe Sito, specialista in chirurgia plastica: imperfezioni, viso stanco e «segnato», rughe,  come dare una rinfrescata al viso ora che è primavera?

«In modo veloce e sicuro con trattamenti cosiddetti da “pausa pranzo” perché in grado di non lasciar tracce e consentire un rapido ritorno alle proprie attività sociali o lavorative».

Tra i trattamenti veloci, oltre al collaudato acido ialuronico per riempire le rughe, qual è quello che dà maggiori soddisfazioni al paziente?

«Il primo rimedio cancella-rughe è senz’altro il Botox che nel 2009 è stato praticato a circa 5.000.000 persone negli Stati Uniti, senza effetti collaterali e con grande soddisfazione per i pazienti».

Leggi tutto...
 
Ritocchi zoom

Nel mirino: lobi e interno braccia rilassati, micro-rughe e mani svuotate

Il desiderio di perfezione è irraggiungibile, si sa.
Ma perché non provarci?

Leggi tutto...
 
II° Congresso Nazionale Medico Cura Te Stesso

Milano

4-5 Marzo 2011

Sala Conferenze del Centro Servizi Banca Popolare di Milano - Via Massaua 6

Leggi tutto...
 
“FACE THE FUTURE” SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Saturday 19TH March2011

Royal Society of Medicine, one Wimpole Street London W1G OAE

“FACE THE FUTURE”

SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Leggi tutto...
 
Gambe pesanti...ecco i rimedi

La sensazione di “gambe pesanti” è un sintomo spesso riferito dalle pazienti che si presentano all’osservazione del medico. La paziente (il sesso femminile è più colpito per ragioni di tipo ormonale) lamenta un disturbo che si manifesta prevalentemente, ma non esclusivamente d’estate e che non necessariamente si accompagna ad evidente gonfiore. Sono più colpite le donne obese o in soprappeso e quelle che fanno vita sedentaria o che nell’arco della giornata mantengono troppo a lungo la posizione eretta o seduta. A volte la pesantezza degli arti inferiori si presenta solo nella fase premestruale e spesso non è concomitante una insufficienza venosa.

Leggi tutto...
 


..................
SiteGround web hosting DottorBellezza

Ritocchi zoom

Nel mirino: lobi e interno braccia rilassati, micro-rughe e mani svuotate

Il desiderio di perfezione è irraggiungibile, si sa.
Ma perché non provarci?

Se reshaping deve essere, dunque, l’azione va affinata per agire solo là dove serve: con ”giochi a zona” sui punti critici del viso e del corpo e su inestetismi  localizzati che,  più dispettosamente, possono svelare l’età (avete presente, per esempio, gli ispessimenti e le  “grinze” sulle ginocchia?).

Ed è qui che entra in scena il medico o il chirurgo estetico con i mini-ritocchi effetto zoom.



Sul viso: in auge, tra le tante, le correzioni del lobo.


“Anche il tessuto adiposo di questa parte anatomica del corpo, per effetto dell’aging tende ad atrofizzarsi e ad assottigliarsi, facendo apparire il lobo come “svuotato” e rivelando antiestetiche rughette. Per restituire volume e consistenza, e ritornare ad indossare con stile anche gli orecchini più vistosi, sono indicate le infiltrazioni di acido ialuronico di media densità. Basta un’unica seduta per un ritocco d’effetto che dura in media 8-10 mesi”, spiega Giuseppe Sito, chirurgo estetico a Milano, Torino e Napoli.


Trattamenti medico-estetici iper-specializzati anche per braccia e mani.


“Contro l’effetto bye-bye della zona interna eccessivamente rilassata, sono utili le biorivitalizzazioni, con microiniezioni di cocktail a base di acido ialuronico, aminoacidi, minerali, oppure sedute alternate di carbossiterapia e radiofrequenza unipolare, che rimodellano le braccia grazie al compattamento del collagene a livello dei tessuti cutanei e sottocutanei”.


Per  mani e   piedi: filler all’acido ialuronico di diversa densità iniettato nel sottocute attraverso micro-cannule, per riempiere gli “svuotamenti” tipici dell’età (durata: 8-10 mesi circa, poi da ripetere) e luce pulsata o il laser Q-switched, per eliminare le macchie”.


Per  levigare le ginocchia e “ringiovanire” i tessuti, eliminando le “grinzette”, si possono utilizzare peeling combinati con acido mandelico, in associazione alla biorivitalizzazione.

http://www.vogue.it/beauty/dermo-chirurgia/2011/02/ritocchi-zoom 



 

Il Compito del Chirurgo Estetico
Prof. Giuseppe Sito

 

 

OK NOTIZIE