NOTIZIE DALLA RETE

Facili ritocchi di primavera

E’ una delle domande che ricorre più frequentemente negli studi dei chirurghi plastici: «Come posso contrastare in poche mosse i segni dell’invecchiamento, come cancellare i segni del tempo e ritornare ad avere un viso fresco e riposato senza dovermi sottoporre a interventi importanti e invasivi?».
E allora, chiediamo al professor Giuseppe Sito, specialista in chirurgia plastica: imperfezioni, viso stanco e «segnato», rughe,  come dare una rinfrescata al viso ora che è primavera?

«In modo veloce e sicuro con trattamenti cosiddetti da “pausa pranzo” perché in grado di non lasciar tracce e consentire un rapido ritorno alle proprie attività sociali o lavorative».

Tra i trattamenti veloci, oltre al collaudato acido ialuronico per riempire le rughe, qual è quello che dà maggiori soddisfazioni al paziente?

«Il primo rimedio cancella-rughe è senz’altro il Botox che nel 2009 è stato praticato a circa 5.000.000 persone negli Stati Uniti, senza effetti collaterali e con grande soddisfazione per i pazienti».

Leggi tutto...
 
Ritocchi zoom

Nel mirino: lobi e interno braccia rilassati, micro-rughe e mani svuotate

Il desiderio di perfezione è irraggiungibile, si sa.
Ma perché non provarci?

Leggi tutto...
 
II° Congresso Nazionale Medico Cura Te Stesso

Milano

4-5 Marzo 2011

Sala Conferenze del Centro Servizi Banca Popolare di Milano - Via Massaua 6

Leggi tutto...
 
“FACE THE FUTURE” SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Saturday 19TH March2011

Royal Society of Medicine, one Wimpole Street London W1G OAE

“FACE THE FUTURE”

SPRING 2011 CONFERENCE PROGRAMME

Leggi tutto...
 
Gambe pesanti...ecco i rimedi

La sensazione di “gambe pesanti” è un sintomo spesso riferito dalle pazienti che si presentano all’osservazione del medico. La paziente (il sesso femminile è più colpito per ragioni di tipo ormonale) lamenta un disturbo che si manifesta prevalentemente, ma non esclusivamente d’estate e che non necessariamente si accompagna ad evidente gonfiore. Sono più colpite le donne obese o in soprappeso e quelle che fanno vita sedentaria o che nell’arco della giornata mantengono troppo a lungo la posizione eretta o seduta. A volte la pesantezza degli arti inferiori si presenta solo nella fase premestruale e spesso non è concomitante una insufficienza venosa.

Leggi tutto...
 


..................
SiteGround web hosting DottorBellezza

ADDIO AL BISTURI SE IL LIFTING È SOFT

La nuova tecnica di ringiovanimento senza dolore che rimodella il viso

Mnima invasività. Assenza di dolore. Risultati naturali. Quando stile di vita corretto, alimentazione sana, scarsa esposizione ad agenti chimici e inquinanti - tutti fattori ambientali che possono accelerare l’invecchiamento sia cutaneo sia cellulare - non bastano più a mantenere il viso fresco e riposato, ecco che ci viene in soccorso la medicina estetica. Che mai come in questi anni si aggiorna a ritmo ininterrotto per garantire massimi standard di sicurezza e risultati il più naturali possibile.

Sono in questa ottica le principali novità presentate al recente Congresso Internazionale di Medicina Estetica di Agorà, Società di Medicina ad Indirizzo Estetico, che si è tenuto di recente a Milano. «L’intervento più richiesto per una rapida rinfrescata è senza dubbio l’innesto di filler all’acido ialuronico - spiega il professor Giuseppe Sito, chirurgo plastico con studi a Napoli, Milano e Torino -, ed è proprio in questo campo che va segnalata la novità più interessante».

IL «SOFT LIFTING»
Ormai è un dettaglio del viso riconosciuto come strategico per il bel apparire: guance piene e sode ricordano i lineamenti della gioventù. «Oggi l’obiettivo primario non è più stirare le rughe e “liftare” la pelle come fosse un foglio di carta arricciata - spiega il professor Sito -, ma lavorare sui volumi, riempiendo le zone scavate, o svuotate dall’età, per restituire al viso un aspetto più giovane e naturale». La nuova rivoluzione descritta al recente Congresso di Agorà è una sorta di lifting leggero, la «Soft Restoration», tecnica di ringiovanimento mini invasiva e senza dolore che attenua le rughe, rimodella l’ovale e ridà l’originale armonia ai tratti del viso. Tutto avviene con «l’aiuto di una “nano-cannula” hi-tech, del calibro di un ago tradizionale ma più lunga, flessibile e con la punta arrotondata - continua Sito -. L’ottima scorrevolezza dello strumento nei tessuti permette di distribuire il gel di acido ialuronico in modo uniforme sulla zona interessata, quasi “spalmandolo”, cosa che nessun ago rigido potrebbe mai fare». I vantaggi sono evidenti: «Al posto di dozzine di punture sul viso, a volte un po’ fastidiose e che non tutti sono disposti a sopportare, basta un solo forellino d’ago per parte se la zona da trattare è circoscritta, ad esempio lo zigomo o altro, e due forellini d’ingresso per parte se si deve trattare tutto il viso». La durata? Circa 12-18 mesi, dopo di che il trattamento va ripetuto.

LA CAVITAZIONE AD ONDE D’URTO CONTRO IL GRASSO LOCALIZZATO
Di sicura efficacia - e anche questa una tecnica non invasiva - è la Cavitazione ad Onde d’Urto per trattare le zone con adiposità localizzata e rassodarle. Niente paura se avete fianchi e glutei, ad esempio, un po’ fuori forma. «Le Onde d’Urto sono impulsi acustici, e pressori, in grado di sgretolare il tessuto fibro-lipo-sclerotico - spiega Giuseppe Sito -. Alcuni specifici manipoli consentono di mirare e indurre la cavitazione solo e selettivamente nello spessore delle zone interessate, facendo salva qualsiasi altra struttura situata fuori dalla portata d’Onda desiderata e scelta. Questo garantisce la massima sicurezza e tranquillità per il paziente».

L’«IDROSSIAPATITE» PER RIEMPIRE LE CICATRICI
Per le grosse cicatrici, tipo quelle provocate da frattura del femore o dalle protesi d’anca, o ancora per le zone molto infossate a cui ridare volume, la conferma arriva dall’uso dell’idrossiapatite (calcio) iniettabile. Un altro ad esempio dove viene utilizzato con successo è sul mento e nel contorno mandibolare. È un trattamento sicuro, compatibile, che ha una durata media di un anno e che il corpo infine metabolizza completamente.

 

 

Il Compito del Chirurgo Estetico
Prof. Giuseppe Sito

 

 

OK NOTIZIE